quarto giro a bologna

oggi siamo da zammù – sai che novità – con la quarta edizione di alfabeto letterario.
e simone rossi presenta il suo terzo libro.

anche il primo l’ha presentato da zammù. quel giorno aveva i pantaloni di nonno tonino, e c’era la musica e il violino, ti ricordi il violino di quel giorno? sì, anche il flauto mi ricordo, marta.
marta che poi si è sbriciolata ed è diventata un libro, il secondo.
il terzo è croccantissima. in epub qui.
e stasera elena marinelli lo legge a bologna, farabegoli lo disegna dal vivo, e bicio e lubitch se lo suonano, il libro.
e mi faranno barigada. eja.


giovedì 6 ottobre 2011
| h. 21.30

zammù vineria libreria caffetteria
via saragozza, 32/a
bologna

[seguirà calendario completo.]


Tre Io

Autore: Mario Rossi
Titolo: Tre io
Editore: Neo, Castel di Sangro (AQ) 2009
Pagine: 138

di Satya Marino

Protagonista di questo libro è la notte. Una notte tra discoteche e bar fuori mano, tra alcol e droga, tra sbronze e scopate. Una notte che per i tre protagonisti, Dante, Giulia e Andrea, diventa il tempo per cercare le soluzioni alle loro esistenze: un suicidio fallito, un tradimento da consumare, un momento per sballarsi.
Una notte, in cui tre esistenze si intrecciano, si confondono, si scontrano.
Dante ci guida in un viaggio nel suo inferno, all’interno della sua visione della società fatta di solo dolore e squallore, in cui ogni vita umana è osservata attraverso una lente che ingrandisce difetti fisici e comportamentali, senza spiragli per un’assoluzione. Dante è cinico, rassegnato, cattivo.
Poi c’è l’incontro-scontro con Giulia: una donna borghese, una desperate housewife — studi, matrimonio, figlia, famiglia — , ora alla ricerca di trasgressione.
Giulia, che inizialmente sembra l’unica che riesce a penetrare i pensieri di Dante, non diventerà la sua Beatrice, non sarà la sua guida verso un futuro di luce.
Tra queste due esistenze, si insinua quella di Andrea, giovane palestrato con aspirazioni da modello, alla ricerca perenne di sesso.
L’autore gioca con un intreccio vorticoso, volutamente confusionario delle tre storie. Il suo linguaggio è buio, a tratti oscuro e difficile atto ad immergere il lettore nei colori di queste esistenze e della vita notturna. Originale la scelta di usare tre cromature diverse, un colore per ognuno dei personaggi, che riesce a dare ordine alla narrazione.
Il finale, che si può intuire dalle prime pagine, viene messo poi in dubbio dal procedere delle vicende, per poi confermare le certezze iniziali.

***

Mario Rossi è uno pseudonimo. Uno pseudonimo ma anche un pretesto. È l’alibi perfetto. È un’entità ambigua, proteiforme. È l’uomo che potresti o non vorresti mai essere. È un elogio all’anonimato come diritto da difendere e dovere da esercitare. Poche e frammentate notizie su di lui. Alcune voci dicono che sia un giornalista ammanicato con le alte sfere, altre che sia stato parlamentare, altre ancora che sia un uomo di fede. Di certo è una personalità schiva che non ama parlare di sé, se non attraverso la propria scrittura. Per Neo Edizioni ha scritto “La bella e la bestia” nell’antologia di fiabe non più fiabe E morirono tutti felici e contenti (2008).


a domanda risponde Ilaria Giannini

Antonio Tirelli :: Sono molti gli studiosi – psicologi, sociologi, etc. – che ultimamente indagano i tortuosi territori dell’amore.
Il tuo libro parla di relazioni problematiche, in alcuni tratti estreme, almeno sotto il punto di vista delle ricadute emotive sui protagonisti. Questa problematicità è un’invenzione letteraria o una caratteristica reale dei rapporti sociali odierni?

Ilaria Giannini :: Non avendo ambizioni da sociologa ma solo da scrittrice non posso testimoniare se questa problematicità sia un dato di fatto nella maggior parte delle relazioni che si vivono nel cosiddetto mondo reale. In Facciamo finta che sia per sempre ho voluto declinare il tema dei rapporti d’amore in diverse storie e personaggi che hanno un unico denominatore comune: provare un sentimento forte e non essere maturi per gestirne le conseguenze, per questo i loro rapporti sono problematici e instabili. Credo che quando una storia d’amore non si limita all’aspetto di facciata ma in qualche modo riesce a toccare la nostra interiorità e a scoperchiare le nostre debolezze diventa in ogni caso estrema perché ci costringe ad affrontare noi stessi.
Un compito molto difficile da cui i miei personaggi tentano di fuggire fino alla fine ma che è l’unica strada per crescere sia singolarmente che come coppia.

****

Ilaria Giannini è nata nel 1982 a Pietrasanta (Lucca). Laureata in Scienze politiche, vive e lavora a Firenze come giornalista. Ha pubblicato un racconto nell’antologia Scrittura mista (Edizioni ETS) e nelle antologie di alcuni premi nazionali di poesia. Cura la rubrica letteraria Catching in the rye sul blog collettivo Avantopop.net e partecipa al progetto SIC – Scrittura Industriale Collettiva. Il 21 aprile 2009 è uscito  per Intermezzi Editore Facciamo finta che sia per sempre, il suo primo romanzo.

Ilaria Giannini, martedì 24 novembre 2009, sarà ospite della rassegna Dalla A allo Zammù (via Saragozza 32/a, Bologna)

h. 19.30 :: Intermezzi Editore: progetto, catalogo e aperitivo
dal WebSite Horror al Mostro della piscina di Marco Candida passando per Io volevo Ringo Starr di Daniele Pasquini.
interventi di Chiara Fattori, Daniele Pasquini, Gianluca Morozzi, Antonio Tirelli

h. 21.30 :: Ilaria Giannini, Facciamo finta che sia per sempre (Intermezzi Editore) – introducono Antonio Tirelli e Marco Nardini
Nicole è ossessionata dal suo passato. Martina è innamorata di lei. Stefano è uno psicologo affetto da manie di grandezza. Paolo è morto in uno strano incidente stradale. Quattro grandi amori, quattro solitudini che si rincorrono nella malinconica bellezza della Versilia. Quattro anime alla ricerca di un qualcosa che dia un senso alle loro vite. Tutti puntano alto, qualcuno gioca sporco, nessuno vince.


L’ombra

Autore: Turi Vasile
Titolo: L’ombra
Edizioni: Hacca, Matelica (MC) 2009
Pagine: 166

l'ombradi Giuseppe Merico

La raccolta di racconti di Vasile si apre con un’affermazione che è un invito al viaggio: “ non so francamente, da dove vengo, anche restando nell’ambito del mondo in cui vivo…” E di viaggio si tratta quando ci apprestiamo a scorrere i suoi racconti. Si parte dalla Sicilia e dalla creazione divina con un Dio Padre che scaglia un fulmine sull’isola dando vita al vulcano. Viaggio non lineare che non procede, ma si incaglia in ricordi, in riflessioni di uno scrittore che sarebbe morto a breve, nel settembre del 2009. Già la si vede la morte, già se ne parla in modo scanzonato e derisorio nel racconto “L’abito da cerimonia”, nel quale la badante ucraina invita l’autore a comperarsi un vestito per il trapasso e Vasile si trova a fare da modello per un sarto che gli piomba in casa e gli prende le misure mentre lui lo lascia fare un po’ infastidito, un po’ divertito. Viaggio che è narrativa che viene allo scoperto, senza omissioni, senza imbarazzo; che si fa domanda insistente e si risponde con ciò che  l’essere umano può esperire nella sua breve vita. Da qui dunque nascono le ultime narrazioni di Vasile, da qui la ricerca della fede e la riflessione filosofica nelle parole del sofista Protagora, citato due volte. Ma “L’ombra” è anche un viaggio nella sicilianità dell’autore, la si avverte spesso, la si contempla nelle frasi in dialetto sparse qua e là in tutto il libro, una di esse dà voce a uno dei racconti più belli della raccolta: “Stella che corre”, dove si parla di un giovane pastore a cui la famiglia di Vasile diede riparo e protezione. Le parole del  pastore sono esemplificative di un modo di intendere la vita: “E’ stidda ca curri”; ovvero, “è stella che corre” che vuol dire subire il proprio destino. Si parte della Sicilia e vi si ritorna perchè le origini si fanno più forti quanto più si è lontano da esse, come è scritto dall’autore. Ma intanto si gira il mondo: Vasile lavorò tutta la vita nel cinema come produttore e regista al fianco di De Sica, Fellini e Antonioni e dei suoi viaggi reali e immaginari ci parla, della Nabibia dove si trovò  a cantare il Tantum ergo in gregoriano in pieno deserto assieme a un autista bantù e di Roma, la città che lo vide crescere ai tempi del fascismo e che, credo, gli diede notorietà. Racconti quali “L’anciddi” , le anguille, o “Il terremoto di Messina” sono l’omaggio che Vasile rende alla sua terra, questa lo insegue nei ricordi come lo inseguono tutti gli amici scomparsi di cui scrive nel racconto “Gli assenti da Pino Ribaudo a Lilli la Rossa” e ancora ne “La barca delle ombre” , ultimo di una trilogia che ha per tema l’ombra. E l’ombra si fa presente con la sua necessarietà  nella storia in cui un uomo regala la propria ombra e finisce per rimetterci in salute.
La scrittura di Vasile rivela con semplicità, a tratti con ironia, ma mai con amarezza anche quando racconta della moglie Silvana ridotta all’immobilità su un letto, senza parole se non quelle che canta al marito ricordando antiche canzoni. Il viaggio di Vasile termina con questo libro che è testamento e lascito e, proprio nel racconto che va a chiudere l’antologia, ecco che viene fuori con potenza l’amore per la scrittura. Vasile ci lascia esprimendo il desiderio di portare nell’al di là, due racconti: “La morte di Ivan Il’ic’ di Tolstoi” e “Il principe di Homburg” di Heinrich von Klest, l’invito è a leggerli per scoprire le nostre mancanze, quelle dei nostri tempi: la mancanza di solidarietà e del rigore morale o altrimenti citando l’autore: Non ci resta, in questa vita, che leggere i romanzi di Andrea Camilleri, tanto per ingannare il tempo e noi stessi.


Dalla A allo Zammù :: Alberto Masala e Marcello Fois

Layout 1Dalla A allo Zammù ::  Alfabeto letterario
Alberto Masala e Marcello Fois
giovedì 5 novembre 2009, h. 21.30
Zammù
Via Saragozza 32/a – Bologna

***

Reading per voci sole divise tra sardo e italiano
gioevedì 5 novembre 2009,  h. 21.30
Alberto Masala, Alfabeto di strade (Edizioni Maestrale) – introduce Marcello Fois

IL LIBRO: Alfabeto di strade è uno scrigno di sorprese e un territorio di raffinatezze senza sussiego. Se dovessi pensare alle radici su cui si innerva questa raccolta direi: semplicità e sobrietà. Quelle qualità, cioè, che in scrittura significano affrontare il problema de visu. Viviamo in un paese che millanta di essere nutrito e corroborato dalla poesia e troppo spesso confonde la canzonetta col far versi.
(Marcello Fois)

L’AUTORE: Sardo. Vive a Bologna. Poeta e traduttore, agisce in contesto internazionale sperimentando in concerto con artisti di varie provenienze. Nella scrittura, che utilizza diverse lingue in un personale linguaggio di confine, è importante la componente dell’oralità. Su Cuncordu Bolothanesu canta i suoi testi in sardo. Fondatore di minores, movimento poetico per la dignità delle culture. Su RAI Radio3, per Storyville, ha curato le serie su Tom Waits e Allen Ginsberg. È stato direttore artistico di alcuni progetti d’arte in Europa (Berlino, Amsterdam, Salonicco, Bologna…), oggi del Progetto Asuni e Logos, centro residenziale di produzione artistica.


Dalla A allo Zammù :: Lavieri edizioni e Gherardo Bortolotti

tecniche_di basso livellomartedì 27 ottobre 2009
Zammù, Via Saragozza 32/a – Bologna

h. 19.30 :: Lavieri Edizioni: progetto, catalogo e aperitivo
Tre strade editoriali :: Lavieri Letteratura. Lavieri Piccole Pesti. Lavieri Comics.
interventi di Marcello Buonomo di Lavieri, Gherardo Bortolotti, Giovanni Marchese e Antonio Tirelli

h. 21.30 :: Gherardo Bortolotti, Tecniche di basso livello (Lavieri Edizioni) – introduce Antonio Tirelli

IL LIBRO: Ai margini del mercato globale, tra i reperti di una giovinezza passata senza successi, le immagini del telegiornale, i frangenti più anonimi del quotidiano, alcuni personaggi-nome si aggirano in un apparato scenico di periferie, orari di lavoro, acquisti in centri commerciali. Una voce corale, intanto, ci narra i futuri ricordi del tempo che ora è presente e guarda, con una compassione senza riscatto, ai termini più ottusi delle nostre vite, di questo scorcio di secolo.
Il libro è stato finalista del premio Dedalus 2009

“Non è un romanzo, eppure vi trovo una consistenza che potrei, fatte le dovute proporzioni, accostare all’approccio di Henry Miller alla narrativa. Non è un racconto, eppure ne possiede la sintetica efficacia”
Antonio Tirelli

L’AUTORE: Gherardo Bortolotti (bgmole.wordpress.com) è nato nel 1972. Nel 2005 ha pubblicato l’e-book Canopo (Cepollaro E-dizioni), nel 2007 la plaquette Soluzioni binarie (La camera verde) e il wee-chap tracce per dusie 103-197 per <dusie.org>. Con Michele Zaffarano cura la collana «Chapbooks» per Arcipelago Edizioni. È tra i fondatori e curatori del blog di traduzioni e letteratura sperimentale <gammm.org>.


RACCONTI a TEMA per Zammù

logo_casa_lettrice_malicuvata

 

RACCONTI a TEMA per Zammù: direzione obbligata.
sono io a pensare, no; sono io a parlare, no; sono io a decidere, no. obbligati a seguire una direzione con gli occhi bassi sui passi. obbligati financo (d)a una direzione obliqua.

 

 

invia il tuo racconto a: malicuvata@gmail.com
limiti: tra 6000 e 8000 caratteri spazi inclusi
scadenza: giovedì 12 novembre 2009

i migliori racconti saranno letti pubblicamente giovedì 19 novembre allo Zammù di Bologna all’interno della rassegna Dalla A allo Zammù.
la successiva selezione porterà alla pubblicazione di un volume curato da Zammù e Casa Lettrice Malicuvata


Dalla A allo Zammù :: La luna è girata strana

Dalla A allo Zammù :: alfabeto letterario
a cura di Zammù Libreria e Casa Lettrice Malicuvata
Via Saragozza 32/a – Bologna

luna2 Aprile 2009 :: h. 19.30
Simone Rossi (Zandegù) in reading

Il reading-musicato tratto da La luna è girata strana di Simone Rossi è un caleidoscopio di suoni, ukulele, canti, bolle di sapone, tom waits, aerei di carta, sensazioni magiche che rendono la presentazione del libro un evento unico e incredibile. L’Africa proposta in modo divertente e inedito, lontano dai luoghi comuni. Con l’accompagnamento musicale dei Cucchiaiodivetro.

Negli spazi di Zammù, tra sculture di cartapesta, vini e formaggi, una rassegna letteraria per tutti i gusti, un vero e proprio alfabeto letterario. Otto mesi in compagnia di libri e autori, reading, installazioni video, teatro.

 

Dalla A allo Zammù :: alfabeto letterario
(
caledario completo>>)
Via Saragozza 32/a – Bologna

Colpa delle balene arancioni

Dalla A allo Zammù :: alfabeto letterario
a cura di Zammù Libreria e Casa Lettrice Malicuvata
Zammù – Via Saragozza 32/a – Bologna

 
 9788861551039g
17 Marzo 2009 :: h. 21.30
Davide Maretto (voce) e Matteo Maretto (chitarra) in Matteo Maretto
Reading di emozioni, odori, paradossi che si creano ogni giorno all’interno degli autobus di linea.

Negli spazi di Zammù, tra sculture di cartapesta, vini e formaggi, una rassegna letteraria per tutti i gusti, un vero e proprio alfabeto letterario. Otto mesi in compagnia di libri e autori, reading, installazioni video, teatro.

 

Dalla A allo Zammù :: alfabeto letterario
(
caledario completo>>)
Via Saragozza 32/a – Bologna

Una tragedia negata

Dalla A allo Zammù :: alfabeto letterario
a cura di Zammù Libreria e Casa Lettrice Malicuvata
Via Saragozza 32/a – Bologna

 9788889801376g
12 Marzo 2009 :: h. 19.30
Demetrio Paolin, Una tragedia negata, Il maestrale –  introduce Eduardo Zarelli
Nel suo saggio, Demetrio Paolin ripercorre gli eventi più cruenti ed efferati degli anni di piombo, a partire dalla strage di piazza Fontana passando per quella alla stazione ferroviaria di Bologna e concentrandosi sul sequestro e l’assassinio di Aldo Moro.

Negli spazi di Zammù, tra sculture di cartapesta, vini e formaggi, una rassegna letteraria per tutti i gusti, un vero e proprio alfabeto letterario. Otto mesi in compagnia di libri e autori, reading, installazioni video, teatro.

 

Dalla A allo Zammù :: alfabeto letterario
(
caledario completo>>)
Via Saragozza 32/a – Bologna