ATTRAVERSO PASSAGGI


(22 MIN, DOC/MUSIC, SARDEGNA/ITALIA/FRANCIA/BELGIO, 2018)
Una raccolta di musica per immagini che va dal 2010 al 2016.

Siamo dentro il festival di Passaggi per il bosco, in strada a Parigi, in casa a Bologna, nella metro che ci conduce a Mairie des Lilas, dentro un bus diretto a Bruxelles, nei boschi della Barbagia, alla Tomba dei giganti Is Concias in territorio di Quartucciu. Stiamo costruendo Arbre Maison, a Saint-Ouen, e ci diamo appuntamento in Sardegna, per incontrare il signor Francesco Piras, impagliatore di sedie a Cagliari. Il viaggio continua con le musiche del Coro Polifonico Bachis Sulis di Aritzo, Jingle Django, Alberto Masala, Antoni Are, Stranos Elementos, Spoutnik, Emi Maggi, Pierre Sangue. Attraversiamo paesaggi che obblighiamo alla catena del ricordo. Il mezzo di locomozione che ci guida è questo artigianato d’arte. Questo lascito infedele alla realtà.
Attraverso passaggi è tutta questa rappresentazione. E forse altro.

 


claudio morandini a cagliari

31_01_012
h. 19.00 | libreria mieleamaro, via manno 88 – cagliari
Claudio Morandini, Rapsodia su un solo tema. Colloqui con Rafael Dvoinikov (Manni)
Introduce: Simone Belfiori
In tutta la Rapsodia su un solo tema, Claudio Morandini pare dire una sola cosa: giocare con gli stilemi della scrittura postmoderna non vuol dire per forza di cose oscillare tra debole e forte. Semmai, significa lasciar scorrere le dita sulla tastiera di un piano/forte.
Leggiadra e certamente molto più aggraziata di questa battuta è la scrittura di Morandini, al suo terzo romanzo dopo Nora e le ombre (Palomar, 2006) e Le larve (Pendragon, 2008). È con grazia, infatti, prima che con altri mezzi, che lo scrittore aostano conduce per mano il lettore in questi Colloqui con Rafael Dvoinikov – sottotitolo del romanzo – facendolo passare attraverso una miriade di testualità differenti, un caleidoscopio di esperienze diverse: il diario di Ethan Prescott (nel ruolo dell’intervistatore, mentre Dvoinikov è l’intervistato; a volte, però, bouleversement: accade il contrario); il racconto in prima persona di Dvoinikov; la descrizione proto-saggistica delle opere di quest’ultimo; la trascrizione di un trattato del Settecento; una serie di note anarchiche e dissacranti…
[lorenzo mari – malicuvata.it]

h. 21.30 | caffé barcellona, via barcellona 84 – cagliari
Letture pubbliche da Il sangue del tiranno (Agenzia X) di Claudio Morandini
Nel palazzo di una pretenziosa università di provincia, in rovina per la mancanza di finanziamenti e per la gestione malvagia del precedente rettore, si aggirano accademici depressi, studenti nevrotici e un cane che ha imparato ad apprezzare il sangue umano.
Mentre diversi fatti insoliti accadono in altri atenei italiani, dopo una lunga malattia torna il vecchio rettore La Sansa e riprende in mano il potere: ma una mattina viene trovato in fin di vita, percosso e pugnalato. Indaga sul caso un professore reso cinico dalle brutture di un sistema scolastico marcio.

Claudio Morandini | vive ad Aosta. Ha scritto commedie per la radio e monologhi per il teatro. Prima del romanzo Rapsodia su un solo tema ha pubblicato Nora e le ombre e Le larve. Cura una rubrica su “Letteratitudine”. Il sangue del tiranno (Agenzia X) è il suo ultimo romanzo.

[qui il programma completo della rassegna caramelle dagli sconosciuti edizione seconda]